Chi Sogno Io?

By agosto 21, 2017Blog

Mi chiamo Laura Stocco, in arte Laurenji Bloom. Sono nata in provincia di Como nel 1981 e sono cresciuta in un paese della Brianza, tra boschi, nebbia e falegnamerie.

Da piccola, quando non disegnavo, passavo il mio tempo nel giardino di casa. Ero affascinata dalle betulle, i miei alberi preferiti. I suoi amenti mi sembravano tanti piccoli salamini appesi ai rami.

Ho sempre avuto una fervida immaginazione e spesso passavo le giornate sdraiata nell’erba alta, – dove nessuno poteva vedermi – a far finta di fumare, usando fiori al posto dei sigari, mentre nel frattempo fantasticavo.

Nel 2008 mi trasferisco a Milano per motivi di studio e lavoro. La mia formazione e la mia carriera lavorativa prendono una strada diversa da quella artistica e il disegno resta solo una passione relegata al tempo libero.

Di origini pugliesi da parte di papà, dal 2013 decido che la mia vita doveva prendere una strada diversa, per questo nello stesso anno mi trasferisco a Lecce. Lascio “la mia bella” – è così che chiamo Milano, la città che amo e odio allo stesso tempo, ma che porto sempre nel cuore – per andare a vivere una vita più semplice in Salento, in quella terra che da sempre mi ha stregata con i suoi colori e i suoi odori.È qui che inizio a disegnare più assiduamente e in cui sviluppo uno stile personale. Nasce così il progetto Laurenji Bloom: tratti semplici e morbidi, delineati principalmente con i colori bianco, nero e rosso.

Contestualmente inizio a lavorare a una serie di creazioni che hanno come oggetto le mie illustrazioni, ad oggi in continua evoluzione e sperimentazione.

Mi piace disegnare a mano e quando necessario, ridefinire l’illustrazione in digitale. Nelle mie immagini anche gli oggetti inanimati prendono vita e io stessa, quasi sempre presente nelle mie illustrazioni, assumo sembianze differenti. Non c’è limite alla fantasia. Prendo ispirazione da tutto ciò che mi circonda, dalla mia vita e dalle sensazioni che provo stando da sola, osservando un paesaggio, una persona, un oggetto, o ascoltando musica. Sono una buona osservatrice, nulla mi sfugge e quando non dormo, mi piace sognare. “Lei non sa chi sogno io” è il mio motto. Principalmente mi piace il tè, il cioccolato e il prosecco – non necessariamente in questo ordine – il rumore delle foglie secche in autunno quando ci cammini sopra, l’odore di Ponyo – il mio gatto – le animazioni di Miyazaki, i fiori di campo e i War on Drugs. Da mia mamma ho ereditato la creatività e la determinazione, mentre da mio papà la sensibilità e la lacrima facile.

Ho esposto a Milano per  Elita Sunday Park al Teatro Franco Parenti e al MI AMI Festival; a Lecce per il Contronatura Festival e il Fuck Normality Festival. Ho tenuto una mia mostra personale dal titolo You can be anything you want to be  presso Villa Mazenta di Giussano (Mb). Le mie illustrazioni, col progetto Matite oniriche,  nato in collaborazione con Laura Lomuscio, sono state pubblicate dal periodico L’EstroVerso.it.

Per il magazine di Urkaonline.it  ho scritto e illustrato I racconti di Laurenji, brevi storielle ironiche sul mondo del lavoro.

Benvenuti nel mio mondo.